Elezioni serbe: una cartolina dalle porte dell'UE

Jelena Vasiljević commenta le recenti accuse di frode elettorale in Serbia e la risposta inadeguata dell’UE.

La Serbia si trova in un’altra impasse politica a seguito dell’ennesimo turno di elezioni anticipate, tenutesi in questo paese più regolarmente di quelle “regolari”. Dopo che il presidente Vučić ha annunciato le elezioni parlamentari anticipate per il 17 dicembre 2023, 65 capi di comuni, compreso il sindaco di Belgrado, si sono dimessi senza una ragione apparente, rendendo necessario lo svolgimento delle elezioni locali anche in quei comuni, prima delle regolari elezioni locali previste. per la primavera del 2024 – una tattica che si rivelerà funzionale alla manipolazione dei risultati elettorali.

Il giorno delle elezioni gli osservatori hanno notato un’irregolarità che si distingue dal classico repertorio di abusi elettorali a cui purtroppo siamo abituati in Serbia. Gli autobus della Republika Srpska – un’entità a dominanza serba in Bosnia-Erzegovina – sono stati avvistati in città, trasportando persone che, dopo essere state interrogate, sembravano non avere familiarità con i seggi elettorali e su come raggiungere i “loro” comuni e seggi elettorali.

I controllori in loco hanno segnalato che gli elettori si sono presentati senza conoscere i loro indirizzi, sollevando il sospetto di una registrazione fraudolenta degli elettori con false residenze. Giorni dopo, il Centro indipendente per la ricerca, la trasparenza e la responsabilità, CRTA, “ha identificato casi di trasporto organizzato di elettori, voto supervisionato e [e] possibile manipolazione dell’identità degli elettori”, in particolare a Belgrado.

Sono emerse accuse di “elettori migranti” provenienti dalla Bosnia-Erzegovina e dai comuni in cui non si sono svolte elezioni locali, il che potrebbe spiegare le dimissioni coordinate di alcuni uffici comunali. Cresce la preoccupazione che un numero significativo di persone sia stato registrato – solo un paio di settimane prima delle elezioni – nei comuni in cui non risiedono, soprattutto a Belgrado, dove i sondaggi pubblici indicavano continuamente le maggiori possibilità per l’opposizione di rovesciare il regime al potere.

Le accuse di elezioni fraudolente hanno innescato proteste, compreso uno sciopero della fame da parte di alcuni esponenti dell’opposizione. Tuttavia, una soluzione praticabile resta sfuggente.

Le accuse di elezioni fraudolente hanno innescato proteste, compreso uno sciopero della fame da parte di alcuni esponenti dell’opposizione. Tuttavia, una soluzione praticabile resta sfuggente. Questa crisi politica aggrava una serie di eventi cupi che hanno segnato l’anno precedente in Serbia. Il 2023 è stato dolorosamente segnato da una sparatoria in una scuola in cui un ragazzo di 13 anni ha ucciso otto compagni di studio e una guardia scolastica, ferendone molti altri. Il giorno successivo, un 21enne ha compiuto una serie di omicidi lasciando dietro di sé nove vittime, soprattutto giovani. Una settimana prima, il New York Times aveva pubblicato un lungo articolo sugli stretti legami tra la massima leadership serba e le violente bande di narcotrafficanti pesantemente implicate in brutali omicidi. È stata una delle rare occasioni in cui si è potuto leggere in un importante organo di informazione internazionale qualcosa che la maggior parte di noi in Serbia conosce fin troppo bene: che il regime politico non solo ha catturato le istituzioni statali e i media e ha abusato massicciamente delle risorse statali, ma ha anche mantenuto stretti legami con il mondo criminale e, di conseguenza, la violenza è diventata onnipresente e normalizzata.

Ma gli eventi di maggio hanno rotto qualcosa nella società e hanno scatenato la più grande ondata di protesta dalla cacciata di Milošević. Per tutta la primavera e l’estate i cittadini hanno protestato sotto la bandiera della Serbia contro la violenza. I partiti pro-UE dell’opposizione hanno formato una coalizione con lo stesso slogan, ottenendo il 23,66% dei voti a livello nazionale e il 35,5% alle elezioni di Belgrado. Tuttavia, persistono dubbi su questo esito, soprattutto a Belgrado. L’opposizione chiede ora l’annullamento dei risultati elettorali e una nuova ripetizione, facendo appello alla comunità internazionale e all’UE. Qual è stata la risposta finora?

Inizialmente, i funzionari dell’UE hanno espresso preoccupazione per le irregolarità elettorali, ma con il passare del tempo le critiche sono diminuite. Intanto la Serbia ha preso una decisione che lo stesso Vučić ha più volte affermato non sarebbe mai stata presa: gli automobilisti kosovari, con targa kosovara, ora possono entrare liberamente nel territorio serbo senza nascondere le insegne nazionali. Come già altre volte Vučić ha fatto qualcosa affinché si potesse chiudere un occhio sulla sua usurpazione del potere.

Come nel caso del già citato articolo del New York Times, l’UE si è mossa solo per un momento. Non appena Vučić otterrà ciò che l’UE gli chiede – se aderirà alla piattaforma della Crimea (ed esporterà armi in Ucraina, entrambe sinistramente assenti dai media serbi), farà un passo verso il riconoscimento del Kosovo (e allo stesso tempo creerà una frenesia mediatica per la questione e un’atmosfera bellica), o chissà, sigillando ulteriormente l’accordo sull’estrazione del litio nella Serbia occidentale – le preoccupazioni sulla corruzione, i legami con la mafia, la soppressione di tutte le libertà, il consolidamento dell’autocrazia, svaniscono.

Nel frattempo, la posizione pro-europea di parti dell’opposizione perde significato in un paese dove il sostegno all’adesione all’UE h