Civil Society Forum of the Western Balkans

Il Forum della Società Civile del Western Balkans Summit Series riunisce più di 100 attivisti e rappresentanti della società civile dell’Unione Europea e dei Balcani occidentali per formulare raccomandazioni per il futuro del progetto europeo e per l’integrazione dei paesi dei Balcani occidentali.

L’edizione del 2016 è stata organizzata in occasione del 3° Summit intergovernativo dei Balcani occidentali e dei paesi dell’Unione Europea a Parigi il 4 luglio 2016. Ha fatto seguito al Forum della società civile tenutosi a Vienna nell’agosto 2015 e a Novi Sad e Belgrado nel maggio 2016. Le raccomandazioni elaborate a Parigi sono state costruite sulle raccomandazioni di Belgrado e del Novi Sad Forum.

Migrazione, cambiamento climatico e crescita verde, controversie bilaterali e cooperazione giovanile sono stati i temi del programma del Forum di Parigi 2016 e sono discussi dai leader politici. I principali argomenti discussi nel Forum ospitato a Parigi 2016 sono stati: Migrazione, cambiamento climatico e crescita verde, controversie bilaterali, cooperazione giovanile e governance democratica.

A Parigi, il Forum della società civile aveva due obiettivi principali:

Il primo obiettivo era che la società civile avesse voce in capitolo nel dibattito sul futuro dei Balcani occidentali.
Le raccomandazioni della società civile sono state quindi presentate e discusse con i parlamentari e i ministri europei.

Alle sessioni del mattino hanno partecipato quattro membri del Parlamento europeo, tra cui la vicepresidente Ulrike Lunacek, Richard Howitt, Tanja Fajon, Alojz Peterle e Majlinda Bregu, presidente della Commissione per l’integrazione europea del Parlamento albanese.

Harlem Désir, Segretario di Stato per gli Affari europei (Francia) e Sebastian Kurz, Ministro degli Affari Esteri (Austria), hanno preso in considerazione le raccomandazioni e le hanno presentate brevemente all’incontro ufficiale intergovernativo con i Primi Ministri di alcuni Paesi europei dei Balcani occidentali nel pomeriggio del 4 luglio.

Il secondo obiettivo dell’incontro è stato quello di costruire ulteriori collaborazioni tra gli attori della società civile e gli attivisti della regione e dell’Unione Europea.
Sessioni di collaborazione come il world cafè hanno permesso di discutere ulteriormente temi di interesse comune, il concerto del Darko Cargo Trio e il picnic in giardino hanno dato l’opportunità di rilassarsi e divertirsi insieme, il dibattito serale sul futuro di Solidarność in Europa ha permesso una discussione generale sul futuro dell’Europa e sul futuro dei Balcani in Europa.