Trasparenza nei negoziati post-Brexit

This post is also available in: Inglese

European Alternatives è da tempo impegnata per chiedere trasparenza nei negoziati post-Brexit che rappresentano una svolta critica per il futuro dell’Unione Europea e in particolare per i futuro dei diritti dei cittadini europei. Come abitanti di paesi dell’UE abbiamo il diritto di sapere come le decisioni che ci riguardano vengono prese. 


Di seguito una timeline dal 2016 su come European Alternatives ha agito per garantire trasparenza durante i negoziati:

  • A Febbraio 2016 il Consiglio europeo inviava una proposta a David Cameron su qual potenziale accordo per il Regno Unito nel caso fosse rimasto nell’Unione. L’accordo prevedeva che il Regno Unito potesse inserire un limite temporaneo agli arrivi migratori dai paesi UE, il cosidetto “meccanismo di salvaguardia”.
  • Il 2 maggio 2016, insieme ai nostri partner di Goodlobby abbiamo protocollato una richiesta di rilascio di informazioni per poterne sapere di più sul meccanismo di salvaguardia, in modo da capire come veniva giustificato il limite al diritto di mobilità per i cittadini UE verso la GB. 

  • Il 24 giugno il Regno Unito votava per lasciare l’Unione Europea

  • La Commissione avrebbe dovuto rispondere al nostro ricorso entro 15 giorni. Non avendo ancora ricevuto alcuna risposta a novembre 2016, ci siamo appellati allo European Ombudsman, garante di una buona ed efficiente amministrazione. 

  • Il 16 gennaio siamo tornati dall’Ombudsman per contestare le ragioni del rifiuto da parte della Commissione Europea.

  • L’European Ombudsman, in seguito alle contestazioni, ha aperto un’inchiesta nel merito e ha richiesto alla Commissione Europea di permettere la visione dei documenti in questione al suo team.

  • Il 24 marzo l’Ombudsman enfatizza di nuovo la necessità di trasparenza del Consiglio nei negoziati Brexit. 

  • Il 26 marzo la Commissione Europea dichiara la possibilità di una pubblicazione delle proprie posizioni durante i negoziati Brexit. 

Share

Vuoi aiutarci a creare un'altra Europa?